nicomenthyl-detox-web.png

ATTIVATORE DEL MICROCIRCOLO CUTANEO
E MOLTO DI PIÙ...

NICOMENTHYL® (Mentil Nicotinato) è derivato dalla reazione chimica tra due composti naturali:

  • MENTOLO, noto per le sue proprietà rinfrescanti, lenitive, antiprurito. Utilizzato in molti preparati per alleviare dolori, infiammazioni, crampi muscolari, ferite, ematomi riportati nell’attività sportiva, in casi di artrite o altre condizioni muscolari dolorose.
  • NIACINA o Vitamina B3, partecipa alla scomposizione e all’utilizzo energetico delle proteine, dei grassi e dei carboidrati. Svolge un ruolo fondamentale nella formazione dei globuli rossi, nella circolazione del sangue e nel trasporto dell’ossigeno alle cellule. Favorisce l’ossigenazione e il nutrimento della pelle, aumenta il ricambio epidermico e l’integrità della barriera cutanea, accelera la differenziazione cellulare e la cicatrizzazione. Utilizzata in molte applicazioni per i suoi effetti detossinanti, antilipemici e antinfiammatori.

Il NICOMENTHYL rappresenta un nuovo principio attivo cosmetico, in grado di attivare significativamente il microcircolo cutaneo SENZA TUTTAVIA CAUSARE FASTIDIOSE IPEREMIE O IRRITAZIONI.

Il suo eccezionale grado di penetrazione attraverso la barriera cutanea con una conseguente alta cessione transdermica di Niacina lo rendono

IL PIÙ EFFICACE E SICURO
AGENTE DETOSSINANTE CUTANEO
finora scoperto

Recenti studi scientifici, qui di seguito presentati (report originali disponibili a richiesta), hanno rivelato che il NICOMENTHYL è il principio attivo ideale per tutte quelle applicazioni cosmetiche cui si richiede una rapida ed efficace attività di DETOX e RIPARAZIONE dei danni causati da agenti ambientali ed endogeni.

Il NICOMENTHYL, già apprezzato per le sue funzioni di potente attivatore del microcircolo cutaneo e piacevole agente sensoriale caldo-freddo, ha dimostrato di avere anche un effetto

ALTAMENTE
PROTETTIVO, ANTIOSSIDANTE, ANTINQUINAMENTO, DETOSSINANTE, RIPARATORE


STUDIO DI EFFICACIA IN VITRO - VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA PROTETTIVA, ANTIOSSIDANTE E DETOSSINANTE DEL NICOMENTHYL

Lo studio in vitro qui appresso descritto ha avuto l’obiettivo di valutare l’efficacia protettiva, antiossidante e detossinante del principio attivo cosmetico denominato NICOMENTHYL in un modello sperimentale biologico (coltura cellulare di cheratinociti) nei confronti di alcuni agenti di danno, in particolare:

  1. Radiazione UV: UVB, UVA, visibile e infrarosso, emessa da Sun Simulator Suntest CPS+ (energia totale irradiata 300 J/m2).
  2. Agente Ossidante: acqua ossigenata H2O2, utilizzata in concentrazione 50 μM nel medium di coltura per esposizione acuta, 25 μM nel medium di coltura per esposizione ripetuta.
  3. Polveri Urbane: miscela certificata e caratterizzata di PAHs, PCB, pesticidi, con PM medio pari a 10, utilizzata allo 0,25% nel medium di coltura per esposizione acuta, allo 0,125% nel medium di coltura per esposizione ripetuta.
  4. Fumo Sintetico: miscela di nicotina, cadmio, formaldeide ed etilcarbammato in parti uguali, utilizzata allo 0,00125% nel medium di coltura per esposizione acuta, allo 0,0006% nel medium di coltura per esposizione ripetuta.

Damage agents

L’efficacia protettiva e detossinante è stata valutata misurando la vitalità cellulare (saggio MTT), il metabolismo cellulare (Saggio di Lowry), il danno ossidativo (dosaggio MDA), la modulazione dell’attività dell’enzima glutatione transferasi (GST), dopo contatto con l’agente di danno.

Il protocollo sperimentale ha previsto come riferimenti:

  • controllo negativo (CTR-), non trattato
  • controllo positivo (CTR+), trattato con l’agente di danno

La valutazione dell’efficacia del prodotto è stata eseguita rispetto all’induzione di uno stress per esposizione acuta (24 ore) agli agenti di danno o in risposta all’induzione di uno stress per esposizione ripetuta agli agenti di danno (72 ore per polveri urbane, fumo sintetico e H2O2 oppure 3 cicli di esposizione UV a distanza di 24 ore uno dall’altro).

NICOMENTHYL – Studio della Vitalità Cellulare (Saggio MTT)
Esposizione Acuta (24h) e Ripetuta (72h) a 4 agenti di danno*

Saggio MTT (Sali di Tetrazolio) è un saggio colorimetrico standard per la misurazione della vitalità cellulare. Il saggio si basa sulla riduzione intracellulare dei sali di tetrazolio di colore giallo da parte dell’enzima mitocondriale succinato deidrogenasi in cristalli di formazano di colore blu/violaceo. La reazione può avvenire solo nelle cellule metabolicamente attive e il valore della densità ottica ottenuta mediante lettura spettrofotometrica può essere correlata al quantitativo di cellule vitali presenti. Al termine dell’incubazione in isopropanolo sono state eseguite le letture dell’assorbanza a 570 nm (come bianco viene utilizzata una soluzione di isopropanolo). Per ciascuna condizione sperimentale il rapporto tra la media della densità ottica delle colture trattate e la media della densità ottica dei controlli negativi determina il tasso di vitalità cellulare. È stata anche calcolata la % di protezione, intesa come % di incremento della vitalità cellulare rispetto al controllo positivo, esposto unicamente all’agente di danno.

grafico-viability-uv.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl (a destra) ha evidenziato un recupero di vitalità cellulare pressoché totale (98%) per l’esposizione acuta e di circa il 66% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +34,9% di recupero per l’esposizione acuta e +15,8% di recupero per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-viability-oxidant-agent.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl (a destra) ha evidenziato un ottimo recupero di vitalità cellulare: 84,2% per l’esposizione acuta e 64,3% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +14,8% di recupero per l’esposizione acuta e +15,8% di recupero per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-viability-urban-dust.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl (a destra) ha evidenziato un ottimo recupero di vitalità cellulare: 76,9% per l’esposizione acuta e 65,2% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +21,8% di recupero per l’esposizione acuta e +15,3% di recupero per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-viability-smoke.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl (a destra) ha evidenziato un buon recupero di vitalità cellulare: 66,4% per l’esposizione acuta e 68,8% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +13,7% di recupero per l’esposizione acuta e +19,7% di recupero per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+


NICOMENTHYL – Studio del Metabolismo Cellulare (Saggio di Lowry)
Esposizione Acuta (24h) e Ripetuta (72h) a 4 agenti di danno

Studio del Metabolismo Cellulare – Determinazione della Sintesi Proteica (Saggio di Lowry): la determinazione della sintesi proteica è stata effettuata mediante metodo colorimetrico. Come nel metodo del biureto, in ambiente alcalino gli ioni Cu(II) si complessano con le proteine e catalizzano la reazione di ossidazione dei residui tirosinici e triptofanici. Tale ossidazione provoca la riduzione del reattivo di Folin-Ciocalteau che, dal caratteristico colore giallo, vira verso una colorazione blu, tanto più intensa quanto più proteine sono presenti nella matrice biologica. I risultati sono espressi come % di incremento della sintesi di proteine rispetto ad una coltura di controllo (CTR-).

grafico-metab-uv.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato un’altissima ripresa della sintesi proteica fino a 29,77 μg/μL (90,3% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 27,52 μg/μL (68,5% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +70,4% di ripresa per l’esposizione acuta e +39,5% di ripresa per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-metab-oxidant-agent.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato una straordinaria ripresa della sintesi proteica fino a 40,17 μg/μL (121,8% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 26,44 μg/μL (65,8% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +117,9% di ripresa per l’esposizione acuta e +45% di ripresa per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-metab-urban-dust.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato un’ottima ripresa della sintesi proteica fino a 24,37 μg/μL (73,9% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 34,44 μg/μL (85,7% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +56,5% di ripresa per l’esposizione acuta e +96% di ripresa per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-metab-smoke.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato un’ottima ripresa della sintesi proteica fino a 28,04 μg/μL (86% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 24,84 μg/μL (61,8% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +80,8% di ripresa per l’esposizione acuta e +53,6% di ripresa per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+


NICOMENTHYL – Studio del Danno alla Componente Lipidica (Dosaggio MDA)
Esposizione Acuta (24h) e Ripetuta (72h) a 4 agenti di danno

Studio del Danno alla Componente Lipidica – Dosaggio MDA (Malondialdeide). La determinazione del contenuto di malondialdeide viene utilizzata come indice dello stress ossidativo legato alla componente lipidica. La malondialdeide è infatti un biomarker dello stress ossidativo specifico per i lipidi riflettendo lo stato della perossidazione lipidica. Questo fenomeno inizia a livello degli acidi grassi polinsaturi dei fosfolipidi di membrana; i radicali liberi reagiscono con i fosfolipidi di membrana ossidandoli e producendo idroperossidi lipidici instabili che decompongono, formando una serie di prodotti secondari come aldeidi e chetoni riconosciuti come sostanze tossiche o cancerogene. La malondialdeide (MDA) è uno dei principali prodotti della perossidazione lipidica e la sua concentrazione nei sistemi biologici è un buon indice del danno ossidativo derivato. Per determinare i livelli di lipoperossidi è stato utilizzato il metodo colorimetrico di Erdelmeier e collaboratori (1998); il saggio si basa sulla capacità di un cromogeno, l’N-metil-2-fenilindolo (NMPI) di reagire con la MDA a 45°C a pH acido con la produzione finale di un cromoforo stabile di colore blu che ha un picco di assorbimento a 586 nm. La determinazione quantitativa sfrutta una curva di calibrazione costruita con concentrazioni note e crescenti di MDA standard. I risultati sono espressi come concentrazione di MDA (µM) in 100 µL di omogenato cellulare. Viene calcolata la differenza tra il contenuto di lipoperossidi nel controllo positivo/campione e controllo negativo.

grafico-lipoperoxidation-uv.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato un calo molto significativo della concentrazione di MDA fino a 2,03 μM in 100 μL (126% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 1,49 μM (81,4% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire un calo di -58,4% di MDA per l’esposizione acuta e -74,9% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-lipoperoxidation-oxidant-agent.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato un calo straordinario della concentrazione di MDA fino a 1,65 μM in 100 μL (102,5% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 1,93 μM (105,5% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire un calo di -73,5% di MDA per l’esposizione acuta e -67,8% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-lipoperoxidation-urban-dust.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato un calo straordinario della concentrazione di MDA fino a 0,96 μM in 100 μL (59,6% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 1,08 μM (59% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire un calo di -82% di MDA per l’esposizione acuta e -81,5% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-lipoperoxidation-smoke.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato un calo straordinario della concentrazione di MDA fino a 1,11 μM in 100 μL (59,6% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 1,14 μM (62,3% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire un calo di -81,5% di MDA per l’esposizione acuta e -80,9% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+


NICOMENTHYL – Studio dell’Attività Detossinante (Saggio GST)
Esposizione Acuta (24h) e Ripetuta (72h) a 4 agenti di danno

Studio dell’Attività Detossinante (Saggio GST): le glutatione S-transferasi sono un gruppo di isoenzimi importanti per la detossificazione dei tessuti. Questi enzimi proteggono le cellule contro le sostanze tossiche coniugandole con i gruppi tiolici del glutatione per la loro successiva eliminazione. Ottenuti gli omogenati delle colture cellulari nelle diverse condizioni sperimentali, la determinazione dell’attività detossificante è stata effettuata monitorando la capacità dell’enzima di coniugare il glutatione con il 1-cloro-2,4-dinitrobenzene (CDNB) che produce un complesso stabile con picco di assorbimento a 340 nm.

grafico-GST-uv.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato una ripresa molto significativa della attività della GST fino a 0,97 nmol/ml/min (80,1% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 1,02 nmol/ml/min (83% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +49,2% di attività GST per l’esposizione acuta e +47,8% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-GST-oxidant-agent.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato una ripresa molto significativa della attività della GST fino a 1,1 nmol/ml/min (91% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 1,03 nmol/ml/min (83,7% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +31% di attività GST per l’esposizione acuta e +41,1% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-GST-urban-dust.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato una ripresa molto significativa della attività della GST fino a 1,14 nmol/ml/min (94,2% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 1,26  nmol/ml/min (102,4% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +52% di attività GST per l’esposizione acuta e +55,6% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+

grafico-GST-smoke.png

La coltura di cheratinociti trattata con Nicomenthyl ha evidenziato una ripresa significativa della attività della GST fino a 1,09 nmol/ml/min (90% del valore basale) per l’esposizione acuta e fino a 1,09 nmol/ml/min (88,6% del valore basale) per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo negativo CTR- (condizione basale); vale a dire +31,3% di attività GST per l’esposizione acuta e +36,3% per l’esposizione ripetuta rispetto al controllo positivo CTR+


nicomenthyl-logo-web.png

ATTIVATORE DEL MICROCIRCOLO CUTANEO
E MOLTO DI PIÙ...

Queste nuove scoperte collocano il NICOMENTHYL all’avanguardia nell’ambito della moderna scienza cosmetica e aprono nuovi orizzonti su un vasto scenario di potenti e innovative applicazioni, sempre più vicino al raggiungimento di quello che resta il traguardo più importante della cosmesi funzionale:

MIGLIORAMENTO, RIPRISTINO, INTEGRITÀ
DELLA BARRIERA CUTANEA

Concentrazioni d’uso raccomandate
Per Prodotti Viso: 0,5 – 1%
Per Prodotti Corpo: 0,5 – 3%

Particolarmente indicato in:

Formulazioni antinquinamento, detox, antiradicali liberi, anti-age

Prodotti solari e dopo sole

Trattamenti di prevenzione della caduta dei capelli

Trattamenti anticellulite

Prodotti per massaggio sportivo

Prodotti Spa

Prodotti rinfrescanti e lenitivi per gambe e piedi

Prodotti per l’igiene intima

Trattamenti cosmetici ristrutturanti per le labbra

Deodoranti/antitraspiranti

Prodotti pre/after shave

Body lotions